piGarden: l’architettura


In diverse occasioni mi è stato chiesto come piGarden funzionasse e alcune volte è stata fatta un po’ di confusione riguardo ai ruoli dei diversi componenti che entrano in giorco. Ci sono stati alcuni utenti infatti che volendo cambiare o aggiungere nuove funzionalità pensavano di dovere intervenire su quella che è solo l’interfaccia web (piGardenWeb). Per questo motivo ho deciso di fare questo piccolo post dove cerco di spiegare una volta per tutte l’architettura del progetto e il ruolo delle varie parti in gioco.

Continue reading “piGarden: l’architettura”

piGuardian: come ho trasformato un Raspberry Pi in una centralina antifurto e riciclato i sensori del vecchio impianto guasto

Alcuni anni fa tornando a casa da lavoro ad attendermi ho trovato con una brutta sorpresa: la centralina del mio sistema di antifurto aveva tirato le cuoia. Dopo un veloce consulto con il tecnico specializzato vengo a sapere che questa non poteva essere riparata e cosa ancora più grave avrei dovuto sostituire anche parte dei sensori e dispositivi di controllo perché non più compatibili con i sistemi di nuova generazione.

Dopo avere ricevuto un preventivo di spesa non indifferente per installare un nuovo sistema di antifurto, mi sono fermato a riflettere e mi sono detto: perché non provare ad utilizzare un Raspberry Pi come centralina per controllare i sensori perimetrali, di movimento e le varie sirene del vecchio impianto?

Mi sono quindi imbattuto in una serie di ricerche e sperimentazioni per ricostruire un nuovo impianto antifurto in autonomia con il vantaggio di risparmiare molti soldi e di potere recuperare le parti del vecchio impianto ancora funzionante.

Continue reading “piGuardian: come ho trasformato un Raspberry Pi in una centralina antifurto e riciclato i sensori del vecchio impianto guasto”

Configurare nginx in modo che piGardenWeb venga servito in una sottodirectory

Recentemente “Marco Poet”, in un commento mi ha fatto la seguente richiesta:

Vorrei poter installare piGardenWEB in modo che risponda su un URI tipo http://192.168.1.1/piGardenWEB e non su /

Ho colto l’occasione per scrivere questo piccolo articolo dove conservare il file di configurazione di nginx che permette di servire piGardenWeb come sottodirectory e non direttamente sulla root.

Continue reading “Configurare nginx in modo che piGardenWeb venga servito in una sottodirectory”

piGardenSched uno schedulatore alternativo per piGarden

 

piGardenSched.sh e’ un’alternativa all’attuale schedulatore di piGarden.

E’ stato scritto dall’amico Andrea, il quale vedendo nell’attuale gestione di piGarden alcune limitazioni, ha deciso di creare un nuovo sistema di pianificazione delle irrigazioni.

Uno dei principali vantaggi di piGardenSched è quello di poter programmare l’apertura di una EV senza una schedulazione di apertura e una di chiusura, ma semplicemente indicando l’orario di partenza, il tempo di azione da eseguire e la ricorrenza.

Sono in oltre presenti funzioni avanzate come quella di potere impostare in un’unica schedulazioni l’irrigazione sequenziale di più elettrovalvole.

Lascio ora la parola ad Andrea, il quale vi spiegherà nel dettaglio come funziona piGardenSched.

 

Continue reading “piGardenSched uno schedulatore alternativo per piGarden”

Gestire i moduli Tasmota con Tasmoadmin

 

Per chi ama smanettare con i dispositivi domotici modificati con il firmware Tasmota, esiste un web tool, Tasmoadmin, che permette di racchiudere tutti i dispositivi presenti nella propria rete domestica in un unica interfaccia.

Questo porta numerosi vantaggi dal momento che si avranno tutti i parametri di funzionamento e di configurazione dei vari Tasmota facilmente accessibili e modificabili.

Questo programma si può installare su molte piattaforme ed è comodamente accessibile via interfaccia web, per installarlo occorrono pochi passaggi  come ben descritti nella seguente guida:

Continue reading “Gestire i moduli Tasmota con Tasmoadmin”

piGarden: le a.p.i.

In questo articolo vorrei approfondire e fare più chiarezza sulle api (Application Program Interface) che piGarden mette a disposizione e con le quali può interfacciarsi con altri software esterni.

Le api vengono esposte tramite socket server già da tempo e più recentemente invece possono essere utilizzate anche tramite protocollo mqtt.

Tramite l’utilizzo delle api è possibile conoscere lo stato di piGardem, aprire o chiudere le elettrovalvole, creare schedulazioni e molto altro.

Continue reading “piGarden: le a.p.i.”

Installare home assistant su raspberry 3B e sucessivi

In questi anni stanno sempre più prendendo piede i sistemi domotici in particolare homeassistant (hass), un software open source già citato in questo blog, che permette di creare un vero impianto domotico di casa. Ci sono alcuni modi per installarlo, esiste pure una immagine già pronta da flashare sul  raspberry ma questa soluzione non è certo l’ideale se volete che condivida l’installazione con piGarden; quindi dovremmo procedere manualmente. La seguente guida è una libera  traduzione dell’originale in inglese il cui riferimento lo trovate in fondo all’articolo. La guida descriverà come configurare un ambiente virtuale phyton su cui far girare homeassistant per poi renderlo avviabile al  boot, oltre a come tenerlo aggiornato.

Continue reading “Installare home assistant su raspberry 3B e sucessivi”

mqttconnector, utilizza le api piGarden e piGuardian tramite mqtt

Recentemente ho avuto la necessità di poter controllare piGarden e piGuardian tramite protocollo mqtt in modo da potere avviare o fermare l’irrigazione da Home Assistant, il famoso software open source per la gestione domotica della casa.

A questo proposito ho creato un piccolo script python che funziona da subscribe per alcuni topic mqtt destinati a ricevere nei rispettivi payload i comandi delle api di piGarden e piGuardian e di inoltrarli ai rispettivi socket server. In pratica mqttconnector funziona da intermediario tra mqtt e piGarden/piGuardian.

Continue reading “mqttconnector, utilizza le api piGarden e piGuardian tramite mqtt”